Vetro innovativo blocca il calore ma non la luce: addio ai condizionatori?

Un'innovativa tecnologia sviluppata da un team dell'Università di Notre Dame potrebbe offrire una soluzione sostenibile e efficace al caldo estivo.
vetro innovativo blocca caldo ma non luce

L’inizio dell’estate preannuncia un’altra estate torrida, con le nostre case che rischiano di trasformarsi in autentici forni. La risposta tradizionale a questo problema è l’uso massiccio dei condizionatori, ma questi apparecchi non solo consumano molta energia ma contribuiscono anche alle emissioni di CO2.

Tuttavia, una nuova speranza si staglia all’orizzonte: un’innovativa tecnologia sviluppata da un team dell’Università di Notre Dame potrebbe offrire una soluzione sostenibile e efficace.

La tecnologia del vetro “intelligente”

Il team di ricerca guidato dal professor Tengfei Luo ha recentemente presentato una soluzione promettente su Cell Reports Physical Science.

Il loro innovativo rivestimento per finestre promette di ridurre significativamente il consumo energetico degli edifici, limitando così la necessità di ricorrere ai condizionatori.

Questo vetro “intelligente” è progettato per bloccare le lunghezze d’onda infrarosse e ultraviolette, responsabili del calore indesiderato, mentre lascia passare la luce visibile, indipendentemente dalla posizione del sole.

Composizione e funzionamento

Il rivestimento è composto da strati ultrasottili di silice, allumina e ossido di titanio su una base di vetro, arricchiti da un polimero di silicio per ottimizzare la riflessione termica verso l’esterno.

Questa combinazione consente al rivestimento di adattarsi efficacemente alle variazioni nell’incidenza della luce solare, superando le limitazioni dei tradizionali rivestimenti per finestre.

Utilizzando tecniche di informatica quantistica, i ricercatori hanno determinato la configurazione ottimale per massimizzare l’efficienza energetica del rivestimento.

Simulazioni hanno dimostrato che questo innovativo approccio potrebbe ridurre le temperature interne degli edifici da 5,4 a 7,2°C, indipendentemente dall’angolo di penetrazione della luce solare.

Oltre al settore edile, la tecnologia potrebbe trovare applicazione anche nell’industria automobilistica, contribuendo a ridurre il consumo di carburante e le emissioni inquinanti.

Impatto ambientale e prospettive future

L’invenzione dell’Università di Notre Dame rappresenta un passo significativo nella lotta al riscaldamento globale e alle emissioni di CO2.

Questo vetro “magico” potrebbe rivoluzionare il modo in cui progettiamo e costruiamo gli edifici, offrendo un’alternativa sostenibile ai sistemi di climatizzazione tradizionali. Tuttavia, affinché questa tecnologia diventi accessibile su larga scala, sono necessari ulteriori investimenti e ricerche.

In conclusione, la ricerca dimostra come soluzioni innovative e orientate alla sostenibilità possano emergere dall’incrocio tra la scienza dei materiali avanzati e l’informatica quantistica.

Questa nuova tecnologia non solo promette un comfort abitativo migliorato senza compromettere l’ambiente, ma apre anche la strada a una futura riduzione dell’impatto ambientale in settori critici come l’edilizia e l’automotive.

Leggi anche: Estate in arrivo, ecco 7 rimedi sostenibili per isolare la propria casa dal caldo

Leggi anche...
I più recenti
piantare alberi città riduce temperatura 3 gradi

Ondate di calore in città: piantare più alberi riduce la temperatura di 3 gradi

tecnologie contro cambiamento climatico

Cambiamento climatico, ecco 5 tecnologie all’avanguardia per combatterlo

quanto inquinano yacht privati

L’impatto ambientale degli yacht privati: ecco quanto inquinano e le tratte più frequentate

metodi naturali infallibili contro zanzare

10 metodi naturali infallibili per tenere lontano le zanzare

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di sostenibilità.