Nuovo piano di performance per il management di gruppo CAP per raggiungere gli obiettivi indicati dal piano di sostenibilità

Dalla riduzione del consumo pro-capite di acqua all’aumento degli investimenti in automazione e robotica: questi i benchmark sui quali verranno valutati i manager dell’azienda pubblica. Riduzione del consumo pro-capite di acqua, aumento dei nuclei familiari che sposano l’acqua del rubinetto come abitudine quotidiana, incremento di soluzioni personalizzate per le utenze e dell’assistenza alle famiglie in difficoltà, taglio delle emissioni di Co2, ma anche contrazione della percentuale di dispersione delle reti idriche da un indice del 24% a un target del 19,4%. E investimenti sempre crescenti nell’automazione e nella robotica. Le strategie ESG (Envinronment, Social, Governance) entrano nel piano di incentivazione a lungo termine dei manager di Gruppo CAP.

Il gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano a partire dal 2021 ha deciso di adottare un nuovo piano di performance aziendale che ha come parametri di riferimento gli obiettivi indicati dal Piano di Sostenibilità per il 2033, documento che affronta tutte le sfide economiche, sociali e ambientali secondo tre principi cardine “Sensibili, Resilienti e Innovatori” definendo una vera e propria roadmap strategica. Il piano di remunerazione variabile consentirà ai profili dirigenziali dell’utility pubblica di misurarsi con le sfide di sostenibilità nel medio e lungo termine. “Con il Piano di Sostenibilità presentato nel 2019 abbiamo integrato le istanze ambientali e sociali nel nostro modello industriale, commenta Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP.

Un approccio diventato determinante nell’affrontare l’emergenza Covid, ma ancora più significativo nell’immaginare il nostro futuro post pandemia. Innovazione e sostenibilità sono i driver per la competitività e la ripartenza del sistema economico del nostro territorio, del Paese e dell’Europa. Il sistema di performance adottato per i nostri dirigenti vuole imprimere un’ulteriore accelerazione agli ambiziosi obiettivi che ci siamo posti nella gestione del servizio idrico integrato e nello sviluppo sostenibile del territorio”. Il piano di performance di sostenibilità di Gruppo CAP si inserisce in un trend consolidato dove è addirittura il mondo finanziario a richiedere garanzie sull’inserimento dei fattori ESG a fianco dei fattori produttivi. La stessa Consob (Commissione nazionale per le società e la Borsa) richiede per le società quotate che la componente variabile della remunerazione tenga conto, se del caso, di criteri relativi alla responsabilità sociale di impresa. È in quest’ottica che è stato definito un set di obiettivi intermedi rispetto al traguardo del 2033 previsto dal Piano di sostenibilità e che sono confluiti all’interno del regolamento, ideato dalla direzione Risorse Umane di Gruppo CAP e redatto in collaborazione con BonelliErede, studio legale leader in Italia, attivo in tutti i settori del diritto per le imprese, che disegna il sistema del Long Term Incentive di CAP in continuità con il piano di People Strategy aziendale che è disegnato proprio a partire dai pilastri della sostenibilità:

• Consumare meno, consumare meglio: ridurre il consumo di acqua giornaliero pro-capite; • Facile come bere un bicchier d’acqua: incrementare del 44% sul totale il numero di famiglie che dichiarano di bere solo o quasi acqua del rubinetto; • Sempre più vicini alle esigenze della comunità: aumentare fino al 28% le utenze collettive dotandole di soluzioni su misura e assistenza alle famiglie in difficoltà; • Chiudere il cerchio: tagliare del 15% le emissioni di anidride carbonica equivalente corrispondenti all’impatto delle attività di Gruppo CAP; • Proteggere la risorsa: puntare alla diminuzione percentuale di acqua dispersa nella rete sul totale immesso fino a raggiungere il 19,4%. • Città resilienti: in ragione delle misure di drenaggio urbano sostenibile e del principio di invarianza idraulica adottato nel territorio lombardo dal 2018, ottenere un incremento di 1,92 milioni di metri cubi di acqua drenati nei territori in cui opera l’azienda pubblica; • Un’impresa digitale: elevare di 36 punti percentuale i servizi CAP disponibili come “one click solution”; • Creare valore condiviso: aumentare il margine operativo derivato da attività che generano valore condiviso (+6%); • Verso un futuro smart: investire nell’automazione e nella robotica per un valore di 13 milioni di euro.

Il progressivo raggiungimento dei macro-obiettivi sarà monitorato quadrimestralmente dall’Ufficio CSR di Gruppo CAP attraverso un tool di rendicontazione e certificazione settato in base agli obiettivi indicati dalla Dichiarazione Non Finanziaria aziendale e dal Piano di Sostenibilità 2020-2033 e sarà, da ultimo, certificato dal Consiglio di Amministrazione, nell’ambito della approvazione del progetto di bilancio al 31 dicembre 2023. Il piano di Performance di Sostenibilità 2021-2023 di Gruppo CAP è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione il 17 dicembre 2020, e si inserisce nell’ambito del Piano Strategico della società.

Leggi anche...
Le Fonti – Sustainability TV
Le Fonti Awards
I più recenti
Virgin Hyperloop rivela le capsule del treno green del futuro
L’Italia autorizza il suo primo parco eolico galleggiante: ecco dove sorgerà
Brembo sempre più green: il 75% di energia utilizzata proviene da fonti rinnovabili
Integrare ESG, promuovere l’engagement e la coesione sociale: la strategia di Amundi

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di sostenibilità.