Direttiva Case Green, avanzamento verso l’approvazione

La recente approvazione da parte dell’Ecofin della Direttiva Europea sulle Prestazioni Energetiche degli Edifici (EPBD), comunemente conosciuta come la direttiva sulle case green, rappresenta un momento di svolta nel settore edilizio.

L’obiettivo principale di questa normativa è ambizioso: eliminare completamente le emissioni di carbonio dagli immobili, promuovendo così una trasformazione radicale nel modo in cui costruiamo e ristrutturiamo le nostre abitazioni.

I costi della transizione verde

Il passaggio verso edifici a zero emissioni comporta notevoli investimenti. Si stima che saranno necessari circa 275 miliardi di euro all’anno per raggiungere gli obiettivi fissati.

Questa cifra coprirà sia le spese per adeguare il parco immobiliare esistente che per costruire nuove strutture che rispettino gli standard di efficienza energetica richiesti.

Implementazione della Direttiva EPBD

Dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, gli Stati membri avranno due anni per recepire la direttiva nei loro sistemi legislativi nazionali.

Durante questo periodo, ciascun paese dovrà presentare un piano dettagliato per la ristrutturazione del proprio parco edilizio residenziale, delineando le tappe per raggiungere gli obiettivi di Bruxelles.

In Italia, la fine del superbonus per la ristrutturazione delle abitazioni e l’introduzione di nuovi incentivi segnano una svolta importante. La decisione di ridurre il superbonus dal 110% al 70% entro il 2024 ha implicazioni significative per il settore edilizio italiano.

Finanziamento ed esenzioni

Un punto critico di discussione riguarda il finanziamento di queste riforme ambiziose. Al momento, la direttiva non prevede nuove risorse finanziarie dall’UE, ma sollecita gli Stati membri a utilizzare i fondi esistenti.

Questo potrebbe rappresentare una sfida per i paesi con bilanci più limitati. È importante notare che la direttiva prevede esenzioni per determinati tipi di edifici, come quelli nei centri storici o destinati a scopi difensivi.

La direttiva entrerà in vigore dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE. Gli Stati membri avranno quindi due anni per adeguarsi. Durante questo periodo, dovranno pianificare e organizzare le ristrutturazioni necessarie per conformarsi agli obiettivi energetici stabiliti.

Prospettive future

Sebbene la direttiva segni un passo significativo verso la sostenibilità, rimangono ancora molte sfide da affrontare.

È essenziale monitorare come i paesi europei si adatteranno a queste nuove normative e come saranno gestiti i finanziamenti necessari. Le prossime elezioni europee potrebbero influenzare ulteriormente il quadro normativo, aprendo la strada a negoziazioni e possibili modifiche.

In conclusione, la direttiva sulle case green rappresenta un impegno importante per un futuro più sostenibile, ma richiede un lavoro coordinato e sforzi concreti da parte di tutti gli attori coinvolti per essere pienamente efficace.

Leggi qui l’articolo completo.

Leggi anche...
I più recenti
Vittoria di Centri Dentali Zanardi ai Le Fonti Awards
Cambiamento climatico e terremoti: esiste una correlazione?
Le Fonti Awards: appuntamento al 27 giugno a Palazzo Mezzanotte
INWIT riconfermata tra le aziende più sostenibili in Italia

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di sostenibilità.