Treni a idrogeno: una soluzione sostenibile per il trasporto ferroviario

Negli ultimi anni, si è affermato sempre più chiaramente che i treni rappresentano una delle opzioni di trasporto più sostenibili e a basso impatto ambientale rispetto all’automobile e all’aereo.

Questo è particolarmente significativo considerando che in Europa circa un quarto delle emissioni di gas serra derivano dai trasporti, con il traffico su strada responsabile per oltre il 70% di tali emissioni. Al contrario, le emissioni dei treni costituiscono solo lo 0,4% del totale.

Treni diesel vs. treni a idrogeno ed elettrici

Tuttavia, non tutti i treni sono uguali. L’impatto ambientale di un treno a diesel è notevolmente diverso da quello di un treno a idrogeno o elettrico.

Attualmente, in Italia, circa il 28% della rete ferroviaria è servito ancora da treni a locomotiva diesel, che sono inquinanti, inefficienti e rumorosi.

Recentemente, il treno Flirt H2 prodotto da Stadler, alimentato a idrogeno, ha dimostrato notevoli progressi nell’efficienza e nella sostenibilità.

In una prova presso un circuito di test in Colorado, il treno Flirt H2 è riuscito a percorrere 2.800 chilometri con un solo pieno di idrogeno. Questo risultato impressionante è stato certificato dai rappresentanti del Guinness dei Primati.

Prospettive per l’Italia: utilizzo dei treni Flirt H2 in Calabria

In Italia, le ferrovie regionali della Calabria hanno ordinato 3 modelli del treno Flirt H2, che presto saranno impiegati sulle linee ferroviarie calabresi. Questi treni, simili al modello a batteria Flirt Akku, offrono un’alternativa sostenibile all’elettrificazione completa delle reti ferroviarie, soprattutto dove l’elettrificazione risulta difficile o costosa.

L’idrogeno rappresenta una fonte energetica promettente, ma il suo livello di sostenibilità dipende dalla modalità di produzione. Nonostante i progressi tecnologici, i costi di produzione dell’idrogeno e la sua efficienza rispetto alle opzioni elettriche possono ancora essere sfide da affrontare.

In conclusione, l’introduzione dei treni a idrogeno come il Flirt H2 rappresenta un passo significativo verso la decarbonizzazione delle reti ferroviarie. Tuttavia, dove possibile, è sempre consigliabile preferire modelli elettrici più convenzionali, considerando i costi e l’efficienza complessiva.

Leggi anche: Bioeconomia: cos’è e come ci aiuterà a ridurre l’uso dei combustibili fossili

Leggi anche...
I più recenti
Vittoria di Centri Dentali Zanardi ai Le Fonti Awards
Cambiamento climatico e terremoti: esiste una correlazione?
Le Fonti Awards: appuntamento al 27 giugno a Palazzo Mezzanotte
INWIT riconfermata tra le aziende più sostenibili in Italia

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di sostenibilità.